I pericoli delle (nuove) tecnologie: wi-fi, reti e social network

La scarsa cultura digitale che causa un uso avventato delle piattaforme social, gli utilizzi patologici della tecnologia da parte degli adolescenti e i rischi dell'elettrosmog:  ecco i tre problemi principali legati alla nuova Era digitale.

 

Festival delle Professioni
"Comunicare il valore"
TRENTO | 17-18-19 ottobre 2014

 

La nostra vita quotidiana è ormai impensabile senza media digitali. Essi hanno permesso una velocità e un progresso impensabile solo 50 anni fa.

C’è da chiedersi però se l’utilizzo delle nuove tecnologie possa portare, oltre a  opportunità e comfort, anche a possibili a squilibri relazionali e piuttosto che psicologici, soprattutto nelle nuove generazioni.

Questo il tema di discussione che questa sera ha coinvolto molto professionisti e cittadini presso la sala conferenze della fondazione Caritro di Trento e che ha visto come relatori Roberto Cappelletti, presidente dell’associazione Medici per l’Ambiente – ISDE Trentino, l’avvocato Nicola Canestrini, presidente della Camera Penale di Trento “Michele Pompermaier”, Matteo Lancini, psicologo psicoterapeuta presidente della fondazione Minotauro e il sovrintendente Mauro Berti, responsabile dell’Ufficio Indagini Pedofilia della Polizia Postale di Trento.

A moderare l’incontro Alessandro Logo, giornalista specializzato in nuove tecnologie che ha commentato così il suo l’intervento: «L'obiettivo di oggi è stato fare emergere linee guida o almeno istruzioni per un corretto uso professionale del web, da parte di commercialisti, notai e avvocati e ha evidenziato tre problematiche: la scarsa cultura digitale che causa un uso avventato delle piattaforme social, gli utilizzi patologici della tecnologia da parte degli adolescenti e i rischi dell'elettrosmog».

A testimonianza della veridicità di quanto questi rischi possano trasformarsi in vere e proprie patologie, sono stati riportati esempi di come alcune strutture pubbliche abbiano già aperto ambulatori e punti d’ascolto per chi soffre di questa forma di dipendenza.

Questo evento come tutti gli altri in programma per il festival, si possono vedere sul canale streaming del Sole 24ore (http://video.ilsole24ore.com/SoleOnLine5/Video/Impresa%20e%20Territori/Lavoro/2014/diretta-festival-professioni-trento/festival-professioni-trento.php)

, e proiettati sul maxischermo di Piazza Duomo.

Per maggiori dettagli sulle conferenze, sui relatori e gli ospiti del festival è possibile consultare:il sito www.festivaldelleprofessioni.it, la pagina facebook  www.facebook.com/festivaldelleprofessioni e il nostro canale youtube Festival Professioni Trento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Posted on 17 ottobre 2014 in comunicati stampa, Festival delle Professioni

Share the Story

Back to Top