ASSODRAIN: LE MEMBRANE ALVEOLARI DRENANTI PER I RAIN GARDEN

LE MEMBRANE ALVEOLARI DRENANTI PER I RAIN GARDEN

La cementificazione, più o meno controllata, ha causato una grande impermeabilizzazione dei suoli riducendo notevolmente la capacità di assorbimento dei terreni. Una prima risposta al problema era stata data con lo sviluppo del tetto verde, da anni ormai viene utilizzato in architettura, che però continua a essere limitato alle nuove costruzioni. In questa tipologia di copertura la membrana alveolare drenante gioca un ruolo fondamentale, così come per il nuovo fenomeno di tendenza, quello dei rain garden, che grazie alla loro facilità di applicazione stanno letteralmente guadagnando sempre più terreno nei confronti della città, dimostrandosi un efficace mezzo per contrastare gli effetti delle bombe d'acqua.

membrane alveoalri drenanti

 

COSA SONO I RAIN GARDEN

I rain garden non sono altro che dei giardini (o aiuole) concave dove l’acqua può confluire. Secondo il PlaNYC 2008 (agenda per la sostenibilità di New York) i rain garden sono in grado di trattenere anche più del 50% dell’acqua piovana per rilasciarla poi gradualmente nel sistema fognario e impedirne il collasso in caso di alluvioni.

La struttura si basa su di una sorta di bacino nel quale una composizione del terreno formata per il 50-60% da sabbia, per il 20-30% da compost, e per altri 20-30% da terreno superficiale, favorisce l’accumulo di acqua. Lo smaltimento è garantito da una membrana alveolare drenante, elemento strategico di questo sistema, e dalla flora autoctona che gestisce l’assorbimento dell’acqua e il rilascio di quella in eccesso, ritardandone il tempo di immissione nella rete e riducendone l’apporto diretto. In questo modo si previene il collasso della rete fognaria e la formazione di zone di allagamento dovute all’eccessiva caduta di acque meteoriche.

Benefici:

  • Facile e economico da installare
  • Ampio raggio di scala e zone di applicazione
  • Riduce l’erosione superficiale e attenua il picco dei flussi
  • Migliora la qualità dell’acqua
  • Aumenta le superfici permeabili in aree densamente urbanizzate
  • Crea habitat e aumenta la biodiversità in città
  • In alcuni casi facilita la ricarica delle acque sotterranee
  • Facilita l’evotraspirazione

RAIN GARDEN: ALCUNE CASE HISTORY

Mint plaza, San Francisco USA

Nati in uno spazio urbano riqualificato nel cuore della città, i rain garden di Mind Plaza diventano un’occasione per sperimentare nuove tecnologie e pensarne un possibile sviluppo a scala urbana. Il progetto di CMG Landscape Architecture cerca di dare una risposta al problema dell’eccesivo accumulo di acqua in un’area fortemente urbanizzata, nella quale l’ormai obsoleta rete fognaria risulta insufficiente. I progettisti definiscono il progetto integrativo, inclusivo e in grado di garantire una più ricca biodiversità urbana.

La struttura della piazza si basa su di una serie di piani inclinati che convogliano l’acqua piovana verso i due rain garden dove la vegetazione filtra l’acqua dagli agenti inquinanti e ne trattiene una parte. La restante attraversa gli strati di sabbia del giardino e finisce in un bacino sotterraneo dal quale viene rilasciata gradualmente nel terreno.

mint_0001s_0001s_0001_Layer-25 Mint_05-02-01

Mint_rain-garden_941x442 Mint-07-02-01_SYS  

Maplewood, Burnsville, Playmouth, Minneapolis e Duluth, Minnesota USA 

Il Minnesota ha intrapreso una politica a favore della tutela e della salvaguardia delle aree urbane, basata sulla costruzione dei rain gardens, che è stata accolta con entusiasmo dai cittadini di diverse piccole realtà urbane. L’obiettivo è quello di aiutare il sistema di raccolta delle acque meteoriche e migliorarne la qualità. L’iniziativa si è concretizzata nelle cittadine di Meaplewood, Burnsville, Playmouth, Minneapolis e Duluth. Meaplewood è stata la prima nel Minnesota ed è diventata d’esempio soprattutto per l’attiva partecipazione dei cittadini che ha permesso di costruire i rain garden in aree residenziali private. Circa 30.000 abitanti per 450 rain garden, una percentuale altissima di giardini al servizio della città e interamente curati e mantenuti dagli abitanti.

maplewood_combo MaplewoodMall_combo copy

Senza titolo3 Sabean_combo

Regione di Adelaide, Australia

Promosso dalla regione dell’Adelaide e dal Department of the Environment, Water, Heritage and the Arts del governo australiano, il programma Acqua Sensitive Urban Design (WSUD) è un approccio alla pianificazione urbana che integra la gestione del ciclo di acqua nel processo di sviluppo urbano. Il documento descrive ampiamente il piano attuativo dove i rain garden sono parametri indicati con precisione, ma l’attenzione del dipartimento punta a introdurre una vera e propria cultura di gestione della risorsa indicando sei punti fondamentali per il mantenimento e per l’efficienza di questi sistemi in modo da guidare i cittadini verso una tutela partecipativa degli spazi urbani.

In Italia molti casi

I rain garden in italia si chiamano aree di ritenzione vegetata e stanno via via prendendo piede nelle manutenzioni idrogeologiche dei territori. Un caso è quello dell’Autorità d’ambito territoriale ottimale della Provincia di Varese che ha progettato un sistema in cui , si legge nel documento, “il troppo pieno dei serbatoi viene inviato alla rete di drenaggio generale, composta da trincee, canali filtranti, aree di ritenzione vegetata (“rain garden”) che sostituiscono quasi interamente il tradizionale sistema di drenaggio, assicurando al con- tempo anche un certo grado di laminazione idraulica. Alla fine del percorso idrauli- co tutto afferisce ad uno stagno di ritenzione (Retention Pond) che assolve alla duplice funzione di migliorare la qualità finale dell’effluente e raggiungere il volume di compensazione richiesto dal principio dell’invarianza, oltre a costituire elemento di arredo e di regolazione microclimatica”.

Senza titolo4

CHI è ASSODRAIN

ASSODRAIN nasce per imporre come standard costruttivo italiano il drenaggio di tutte le opere interrate e contro terra.

L’obiettivo è quello di sviluppare l’impiego delle membrane alveolari drenanti e assicurare il massimo dei vantaggi derivanti dall’utilizzo di questi prodotti. Tra le finalità di ASSODRAIN c’è anche quella di sviluppare la conoscenza e le applicazioni delle normative in materia esistenti e, se necessario, la loro implementazione.

Gli eventi metereologici straordinari che negli ultimi anni si sono riproposti sempre più frequentemente – es. gli allagamenti nel vicentino, nella lunigiana, in Sicilia, solo per ricordarne qualcuno – che in 5 ore registrano la caduta d’acqua di un anno, portano una pressione idrostatica contro le opere interrate eccezionale: in questi contesti la presenza di membrane alveolari drenanti gioca un ruolo chiave, anzi fondamentale, per la messa in sicurezza di tutte le opere costruttive.

Questo è il tema che maggiormente riguarda l'associazione ASSODRAIN, ovvero la messa in sicurezza di fabbricati e infrastrutture grazie a queste membrane drenanti che sono in grado, grazie a degli spessori molto ridotti, anche inferiori a 10 mm, di convogliare le acque verso la rete di scolo. Per questo motivo questi sistemi vengono utilizzati ormai da decenni in molti Paesi e anche in Italia per la protezione e il drenaggio di grandi opere interrate quali tunnel (come l’Eurotunnel sotto la Manica o il San Gottardo), metropolitane e opere di contenimento stradale.

Posted on 19 gennaio 2015 in assodrain, comunicati stampa

Share the Story

Back to Top