BIGMAT: DAL TETTO ALLE PIASTRELLE

DAL TETTO ALLE PIASTRELLE

Restyling in tempi record per una villetta anni 60 a Torvajanica (RM) nel Villagio Tognazzi con bonifica dell’ex copertura in amianto e interni rinnovati.

I NUMERI DELL’INTERVENTO

  • Tipo di intervento: manutenzione straordinaria con bonifica e
  • sostituzione di copertura in amianto
  • Luogo: Torvajanica, Pomezia (RM)
  • Progetto e direzione dei lavori: architetti Luigi Punzi e Paolo
  • Marcucci
  • Bonifca da amianto: Rimozione Edilizia e Smaltimento Srl
  • Impresa edile: Homes in the park Srl
  • Tempi di intervento: 6 mesi
  • Materiali forniti da: BigMat Edilnovelli di Roma

Era il 1992 quando in Italia l’amianto veniva messo ufficialmente al bando con la Legge 257 ma la “fibra killer” è ancora diffusissima nel nostro Paese. Ad aprile risultavano circa 300mila gli edifici contaminati con 32 milioni di tonnellate ancora presenti sul territorio.

Censimenti e mappature vanno a rilento e se le prospettive della bonifica non sembrano rosee la maggior consapevolezza del pericolo causato da questo “killer silenzioso” incentiva sempre più persone a bonificare vecchie costruzioni ed effettuare lavori di ristrutturazione come è accaduto a Pomezia, in provincia di Roma, dove BigMat Edilnovelli e lo studio di architettura Luigi Punzi – Paolo Marcucci hanno eseguito un’importante ristrutturazione di un’unità abitativa immobiliare monofamiliare con bonifica e sostituzione della copertura in amianto e un considerevole restyling degli interni.

DOWNLOAD REFERENZA E FOTO IN ALTA

IL CONTESTO

Stando La residenza oggetto della bonifica è situata in località Torvajanica a Pomezia (RM) all’interno del noto Villaggio Tognazzi, location di soggiorno per i divi del cinema negli anni ‘50 e ’60; ed è composta da un piano terra con copertura a tetto e manto con lastre di cemento amianto di 105 mq (200 mq a falda). L’edificio oggetto dei lavori di bonifica risale al 1967, anni in cui l’utilizzo dell’amianto, meglio noto in edilizia anche come Eternit, era molto diffuso per le sue caratteristiche di resistenza meccanica, elettrica, chimica e termica; utilizzato soprattutto come materiale da copertura nella forma di lastra piana o ondulata. Ricerche successive hanno poi dimostrato come la polvere generata dall’usura di tali tetti, provochi asbestosi e una grave forma di cancro, il mesotelioma pleurico.

 

I LAVORI DI BONIFICA E LA RISTRUTTURAZIONE

La vecchia copertura in Eternit, pericolosa e fuori norma, è stata rimossa e poi sostituita con una in legno lamellare e lastre ondulate in fibrocemento, dall’aspetto simile a quelle sostituite e dal particolare profilo chiamato “romana” che consiste in due onde separate da una sezione retta. La duttilità di queste lastre le rende adatte, in alternativa ai coppi tradizionali, per qualsiasi tipo di struttura, anche in legno. La bonifica dell’amianto è stata seguita da una ditta specializzata (Rimozione Edilizia e Smaltimento Srl di Roma) che si è occupata della rimozione e dello smaltimento secondo la normativa, a seguire poi sono stati effettuati i lavori di posa della nuova copertura e del soppalco in legno a opera di BigMat Edilnovelli.

Tra le esigenze del committente c’era soprattutto la celerità dell’iter autorizzativo per la bonifica oltre al contenimento dei costi, «abbiamo realizzato tutto il lavoro in brevissimo tempo, in una zona con vincoli paesaggistici e con il nulla osta del Genio Civile della regione Lazio – spiega l’architetto Paolo Marcucci che ha seguito il progetto –. Il risparmio energetico non entrava negli interessi prioritari della committenza trattandosi di una seconda casa al mare, da porre a reddito, si è ottenuto un miglioramento notevole sostituendo una copertura di Eternit, semplicemente poggiata su travi e travicelli, con una in legno, con un isolamento in polistirene da 10 cm per un risparmio nei consumi e un miglior comfort abitativo».

L’intervento ha riguardato anche un rinnovamento quasi totale degli interni dell’abitazione. «Si tratta di una ristrutturazione importante – spiega Alessandro Novelli, amministratore delegato, responsabile del progetto e dello sviluppo del settore legno – i nuovi interni sono stati studiati e progettati dalla committenza con la consulenza e l’assistenza di una persona del nostro staff; abbiamo fornito tutte le finiture dalle nuove porte e infissi ai pavimenti, dai rivestimenti dei due bagni ai complementi d’arredo oltre a tutti i materiali da costruzione per i lavori strutturali».

I lavori di costruzione e di posa, eccezion fatta per il tetto, sono stati realizzati dall’impresa Homes in the park Srl di Roma, per la durata complessiva di circa 6 mesi. In aggiunta alle opere strutturali sono stati realizzati anche interventi di miglioramento della struttura e dell’aspetto estetico della realizzazione come la sostituzione della piccola e grossa orditura di travi in legno; la revisione di intonaci e di rivestimenti e la ritinteggiatura in tonalità di colore simili a quelle originali. Sostituiti anche i canali di gronda e i pluviali oltre alla pavimentazione del marciapiede circostante l’edificio, l’impianto elettrico e quello termico.

 

IL RUOLO DI BIGMAT

BigMat Edilnovelli nasce nel 1995 come rivendita di materiale per l’edilizia pesante. Dal 2006 nel Gruppo BigMat, il Punto Vendita di 1.000 mq, guidato dalla famiglia Novelli, è diventato punto di riferimento per la provincia e la capitale, puntando su servizi specializzati come la progettazione, la consulenza, il rilievo misure, l’assistenza pre e post vendita, la posa in opera e la certificazione energetica. Lo showroom HABIMAT, ristrutturato e ampliato nel 2015, è dedicato alle finiture: altro fiore all’occhiello, con 850 mq di corner monotematici, arredo bagno e rivestimenti, un’area per porte e infissi e uno spazio per arredo da outdoor e giardino. Per il progetto di Torvajanica sono stati forniti diversi materiali da costruzione e anche finiture tra cui: tramezze, guaine impermeabilizzanti Imper e Index, blocchi di tamponatura esterna e sottotetto Wienerberger, collanti per fughe Kerakoll, prodotti Italcementi e controtelai Scrigno. Nel restyling degli interni sono state utilizzate porte a marchio Bertolotto e rubinetterie Paffoni.

GLI ARCHITETTI

Luigi Punzi • Laureato in architettura nel 1967 e dal 1969 nell’Albo degli Architetti di Roma, ha acquisito esperienza nella progettazione esecutiva e nella direzione dei lavori, con la committenza pubblica e privata. Si occupa di manutenzione ordinaria e straordinaria, del restauro di edifici storico-artistici (con certificazione rilasciata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali), di edilizia alberghiera, ospedaliera e scolastica, di interni e di arredamento.

Paolo Marcucci • Nell’Albo degli Architetti di Roma dal 1987, durante gli studi ha lavorato come dipendente presso alcune imprese di costruzione (nell’ufficio gare

prima e nella direzione tecnica poi) occupandosi di OOPP nel settore stradale, idraulico e delle opere civili. Fin dai primi anni ’90 si è occupato di progettazione esecutiva e di direzione dei lavori; oggi è direttore dei lavori nel settore delle opere civili e delle infrastrutture a rete per una società di ingegneria.

Posted on 30 settembre 2016 in BigMat, comunicati stampa

Share the Story

Back to Top